Back

Cambiare vita e fare il volontario e musicista giramondo, intervista a Stefano Rolfo

Cosa fai nella vita?

Tutto e niente. Ho la testa un po’ tra le nuvole, ma cerco di aggrapparmi a loro per non smettere di sognare e credere in quello che faccio. Sono una persona che ha deciso di vivere senza badare troppo alle vedute comuni e lavoro per far diventare realtà questo mio fuoco interiore.

 

Quale passione guida la tua vita?

Canto, compongo musica, scrivo, provo a fare del bene e ricerco equilibrio psicofisico quotidianamente. 

 

Se ti dico onda che cosa pensi? 

Penso ad energia. Il mare, la natura sono energia pura. Lo siamo anche noi, ma non ci rendiamo conto di ciò che possiamo essere. Quindi penso che in realtà siamo una cosa sola con l’onda. È noi!

 

La prima onda che ti ha travolto e ha cambiato qualcosa nella tua vita? 

La prima onda travolgente è arrivata ai miei 19 anni con un uomo che mi fece riflettere davvero su ciò che volevo dalla vita. La sua frase fu “Se hai tutti sti sogni, perché dovresti rifugiarti nello studio di qualcosa che ti aggrada, ma che non ti renderebbe felice come quello per cui lavori in segreto. Lascia andare il paracadute e vai in caduta libera”. 

Mi ponevo già diverse domande da un paio d’anni, così il mese stesso decisi di slacciare davvero il paracadute e lanciarmi per ciò che più desideravo: libertà e vivere delle mie passioni.

 

Cosa fai nella vita?

Tutto e niente. Ho la testa un po’ tra le nuvole, ma cerco di aggrapparmi a loro per non smettere di sognare e credere in quello che faccio. Sono una persona che ha deciso di vivere senza badare troppo alle vedute comuni e lavoro per far diventare realtà questo mio fuoco interiore.

 

Quale passione guida la tua vita?

Canto, compongo musica, scrivo, provo a fare del bene e ricerco equilibrio psicofisico quotidianamente. 

 

Se ti dico onda che cosa pensi? 

Penso ad energia. Il mare, la natura sono energia pura. Lo siamo anche noi, ma non ci rendiamo conto di ciò che possiamo essere. Quindi penso che in realtà siamo una cosa sola con l’onda. È noi!

 

La prima onda che ti ha travolto e ha cambiato qualcosa nella tua vita? 

La prima onda travolgente è arrivata ai miei 19 anni con un uomo che mi fece riflettere davvero su ciò che volevo dalla vita. La sua frase fu “Se hai tutti sti sogni, perché dovresti rifugiarti nello studio di qualcosa che ti aggrada, ma che non ti renderebbe felice come quello per cui lavori in segreto. Lascia andare il paracadute e vai in caduta libera”. 

Mi ponevo già diverse domande da un paio d’anni, così il mese stesso decisi di slacciare davvero il paracadute e lanciarmi per ciò che più desideravo: libertà e vivere delle mie passioni.

 

Dove ti ha portato quell’onda?

Quell’onda mi ha portato a stravolgere la mia vita e liberarmi da quel senso di oppressione che non ho più provato da allora. Mi ha portato a conoscere luoghi, persone, realtà inimmaginabili, alle quali non avrei mai creduto. E ora sono qui, che continuo a crescere e progredire. Sono diventato una persona che mai mi sarei aspettato all’epoca, ma questo è solo l’inizio, ci saranno tante altre onde da surfare.

 

Quindi possiamo dire che quell’onda é stata motivo di riflessione, una guida, una spinta al tuo cambiamento? 

Assolutamente si. Senza quell’onda magari non avrei mai fatto quel salto e ora sarei sicuramente depresso, in una vita che non mi apparterrebbe. Tutti abbiamo bisogno in qualche modo di una guida, di un segnale che risvegli in noi quel che è già presente, ma che non sappiamo di possedere. 

 

Che ruolo giocano l’ispirazione ed esempi nel percorso di chi vuole vivere la propria vita a pieno e all’insegna di una mission/propria passione?

Credo che l’ispirazione sia fondamentale, ma anche avere degli esempi, dei percorsi che ci facciano vedere cose che non avremmo mai altrimenti concepito, siano altrettanto VITALI.
Gli esempi non esistono per essere imitati, ma per motivare e fornire spunti di riflessione che ognuno di noi necessita per evolversi e comprendersi. L’ispirazione porterà a passare notti insonni, sbattere la testa, perdere la speranza alle volte, sentendosi fuori dai giochi della società, ma quello sarà il punto di forza che mostrerà cosa si è realmente, cosa ci contraddistingue: COSA CI RENDE NOI STESSI. Fa paura, ma è il motore che ci spinge a progredire nella nostra rivoluzione. Siamo tante piccole entità, tante galassie che unite possono davvero fare la differenza e adempiere a qualcosa di grande, ma in primis ognuno dovrà impegnarsi a far la differenza, altrimenti ogni sforzo sarà vano.

 

Sei stato invitato ad essere partner ufficiale di Onda di. PERCHÉ HAI ACCETTATO? 

Ho accettato pensando alla varietà di idee, ispirazione e meraviglie che così tante menti vivaci e rivoluzionarie, unite, potessero donare agli altri. 

Ognuno di noi vive per questo. 

Insieme possiamo motivare e fornire le domande che ciascuna persona dovrebbe porsi per lanciarsi alla ricerca di sé, dei propri ideali: del proprio ESSERE. 

Questo è ONDA. Tutti insieme, anche voi che ci leggerete e ascolterete sarete parte integrante dell’onda. Perché ciò che diremo farà già parte di voi a dire il vero. Cercheremo solo di risvegliarlo e accendere l’ispirazione. 

 

Post a Comment